Link utili:  Sito TCP - Store Triumphchepassione - Regolamento del Forum - Pubblicità su TCP

Segui TCP su:

Benvenuto su Triumphchepassione, il Forum Triumph più attivo d' Italia!

Sei nuovo del Forum? Leggi il REGOLAMENTO e presentati in questa sezione >>>. Non sai usare il Forum? Ecco una semplice guida >>>.

Cerchi un prodotto per la tua Triumph? Visita TCPShop©! Al suo interno troverai le  vetrine dei migliori negozi di accessori ed abbigliamento, i concessionari moto ed i produttori di componenti che orbitano attorno al mondo Triumph®: troverai anche tantissime moto usate. Ecco un esempio dei prodotti presenti:

Bauletto SW-Motech T...

Bauletto SW-Motech TRAX ADVENTURE BLACK 38 Lt.

Prezzo € 339.00
Impianto completo di...

Impianto completo di scarico 2in1 'Trucker' omologato - Bonneville / Scrambler / Thruxton

Prezzo € 893.74
Polsino a scacchi &q...

Polsino a scacchi "Cafè Racer"

Prezzo € 6.00
Kit completo Gp1_car...

Kit completo Gp1_carbon laterale basso

Prezzo € 900.00
Kit adesivi "St...

Kit adesivi "Strappo Union Jack" scala di grigi

Prezzo € 8.00
Coppia frecce Cat ey...

Coppia frecce Cat eye omologate

Prezzo € 18.00

Pagina 4 di 8 PrimaPrima 12345678 UltimaUltima
Risultati da 31 a 40 di 80
Like Tree44Likes

Discussione: Grande Poletti!

  1. #31
    TCP Rider Senior L'avatar di Stinit
    Data Registrazione
    16/01/09
    Località
    terra del sole e del mare
    Moto
    feroce...
    Messaggi
    19,006
    Citazione Originariamente Scritto da flag Visualizza Messaggio
    e' il punto di partenza che e' una cazzata.

    se si lascia fare a ogni singolo comune (il cui numero va ridotto, e ovvio che ci saranno dei problemi anche li, ma in quale tipo di cambiamento non ci sono?), succedera' quello che e' successo coi dati delle cartelle cliniche dei pazienti................ogni regione/asl/ospedale/medico di medicina generale le ha su sistemi venduti dal provider di zona (e chi dice che non ci ha guadagnato e chi ha affidato la fornitura non ha beccato qualcosa?).........col fatto non secondario che non si parlano fra di loro.........setteparepoco.......

    azzardo che se i fornitori sono certificati, le procedure siano state valutate dal cliente (lo stato) .......sui costi, lo ripeto, il risparmio ce l'hai nel lungo periodo, ovviamente, e soprattutto nella capacita' di incrociare facilmente , (lo spero altrimenti il sistema e' sbagliato) i dati

    sul fatto che fra 20 anni non si legga un cazzo, immagino, per esperienza, che sia previsto anche un aggiornamento dei sistemi e una conservazione congrua......di solito si pagano cifre alte anche per questo.

    sul fatto che la cosa sia privata, non mi piace, preferirei che fosse statale, ma probabilmente se ne parlerebbe fra 40 anni, e quindi ok per il privato, se regolamentato in maniera intelligente.

    ma possibile che non ci sia un'innovazione che ti aggrada?

    azzo, e il vecchio dovrei essere io
    a parte che se lo confronti con il sistema attuale il nuovo sembra come quello che vuole sparare ad un piccione con il cannone...ma oltre a questo quello che mi lascia perplesso (molto perplesso) è il fatto che non è lo stato a occuparsi di una gestione di questi dati...dovrebbe essere un servizio a favore dello stato stesso che se per assurdo fosse a bilancio 0 andrebbe più che bene...invece affidando la cosa al privato è ovvio che c'è di mezzo il suo guadagno (nell'interesse generale questo va bene??) e comunque quando i dati glieli dai in mano tale soggetto ha un grande potere a disposizione...bisogna vedere poi di chi sono questi dati una volta salvati (non è automatico che siano di proprietà del pubblico)...bisogna vedere se il privato ne fa una gestione corretta o se li usa a nostra insaputa...

    a quanto so il conservatore accetta file in formato pdf txt ecc purchè immodificabili...lui non li aggiorna mica...

    allora tanto valeva far dotare ogni comune d'Italia di un paio di Nas da piazzare negli edifici comunali sui quali salvare i file...almeno la spesa oltre ad essere particolarmente modesta era una sola volta... i dati (come per altro i documenti cartacei) rimanevano nella responsabilità gestionale e nella disponibilità del soggetto pubblico (ripeto come in passato) ...

    almeno
    souldancer likes this.
    ciao...

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #32
    TCP Rider Senior L'avatar di flag
    Data Registrazione
    05/07/09
    Località
    Parma, Vicenza, Genova, Washington, Ancona, Roma.......ho girato un po' :) Sono quindi un emilianoveneto con esperienze liguri-americane:), trapiantato nella capitale, con la sicilia delle radici sempre nel cuore
    Moto
    Sprint st 1050 my 2009 "Nike" KTM EXC 400 my 2005 "fanta"
    Messaggi
    32,048
    Citazione Originariamente Scritto da Stinit Visualizza Messaggio
    a parte che se lo confronti con il sistema attuale il nuovo sembra come quello che vuole sparare ad un piccione con il cannone...ma oltre a questo quello che mi lascia perplesso (molto perplesso) è il fatto che non è lo stato a occuparsi di una gestione di questi dati...dovrebbe essere un servizio a favore dello stato stesso che se per assurdo fosse a bilancio 0 andrebbe più che bene...invece affidando la cosa al privato è ovvio che c'è di mezzo il suo guadagno (nell'interesse generale questo va bene??) e comunque quando i dati glieli dai in mano tale soggetto ha un grande potere a disposizione...bisogna vedere poi di chi sono questi dati una volta salvati (non è automatico che siano di proprietà del pubblico)...bisogna vedere se il privato ne fa una gestione corretta o se li usa a nostra insaputa...

    a quanto so il conservatore accetta file in formato pdf txt ecc purchè immodificabili...lui non li aggiorna mica...

    allora tanto valeva far dotare ogni comune d'Italia di un paio di Nas da piazzare negli edifici comunali sui quali salvare i file...almeno la spesa oltre ad essere particolarmente modesta era una sola volta... i dati (come per altro i documenti cartacei) rimanevano nella responsabilità gestionale e nella disponibilità del soggetto pubblico (ripeto come in passato) ...

    almeno
    trovami un argomento che, a parte la gestione del movimento da parte del ricciolo (scherzo, eh) non ti lasci perplesso........

    perplimersi e' un diritto, ma prima di far partire una cosa del genere, immagino che qualche ragionamento se lo siano fatto......e che abbiano fatto una gara, che spero corretta, altrimenti e' roba di cantone

    ma il principio, per favore, no, dai.........la PA deve digitalizzarsi e anche in fretta (coi costi che a volte la fretta e il perdere tempo comporta)
    "Nessuna commiserazione,semplice constatazione che dietro questo pensiero v'è discreta bassezza morale,punto .......ti invito,senza offesa, ad informarti sui libri di scuola" cit. rjng

  4. #33
    TCP Rider Senior L'avatar di Stinit
    Data Registrazione
    16/01/09
    Località
    terra del sole e del mare
    Moto
    feroce...
    Messaggi
    19,006
    Citazione Originariamente Scritto da flag Visualizza Messaggio
    trovami un argomento che, a parte la gestione del movimento da parte del ricciolo (scherzo, eh) non ti lasci perplesso........

    perplimersi e' un diritto, ma prima di far partire una cosa del genere, immagino che qualche ragionamento se lo siano fatto......e che abbiano fatto una gara, che spero corretta, altrimenti e' roba di cantone

    ma il principio, per favore, no, dai.........la PA deve digitalizzarsi e anche in fretta (coi costi che a volte la fretta e il perdere tempo comporta)
    infatti se rileggi quello che ho scritto non ho nulla contro il principio di digitalizzare per risparmiare e per essere al passo con i tempi...

    siccome noto che i provvedimenti presi per attuare tale innovazione sono particolarmente bislacchi allora è li che scatta la perplessità..."regalare" un lavoro ben remunerato a delle società private selezionate non si sa da chi e in base a cosa per fare quello che prima potevano fare i comuni in casa loro mi lascia molti dubbi...

    sarà che sono un tantinello malfidato
    ciao...

  5. #34
    TCP Rider Senior L'avatar di flag
    Data Registrazione
    05/07/09
    Località
    Parma, Vicenza, Genova, Washington, Ancona, Roma.......ho girato un po' :) Sono quindi un emilianoveneto con esperienze liguri-americane:), trapiantato nella capitale, con la sicilia delle radici sempre nel cuore
    Moto
    Sprint st 1050 my 2009 "Nike" KTM EXC 400 my 2005 "fanta"
    Messaggi
    32,048
    Citazione Originariamente Scritto da Stinit Visualizza Messaggio
    infatti se rileggi quello che ho scritto non ho nulla contro il principio di digitalizzare per risparmiare e per essere al passo con i tempi...

    siccome noto che i provvedimenti presi per attuare tale innovazione sono particolarmente bislacchi allora è li che scatta la perplessità..."regalare" un lavoro ben remunerato a delle società private selezionate non si sa da chi e in base a cosa per fare quello che prima potevano fare i comuni in casa loro mi lascia molti dubbi...

    sarà che sono un tantinello malfidato
    Citazione Originariamente Scritto da Stinit Visualizza Messaggio
    :...il tutto mentre si procede con quella stronzata della digitalizzazione dei dati della PA che invece di abbattere i costi li quadruplica creando per altro nuove e pericolosissime situazioni al limite del paradosso
    beh, io lo avevo ricavato da qui.....

    poi, si, sei particolarmente malfidato e questo, ancorche' giustificato, se si vuole crescere ed evolvere , e' un limite e non un vantaggio......a mio parere :ovvio che non bisogna cessare di vigilare, ma la critica aprioristica perche non tutto ti e' chiaro.........magari informato da una "parte", che sta nella PA, e che come tutti i lavoratori di qualsiasi settore , ha sempre la sua "cura" che e' semplicissima , meno costosa e migliore di quella proposta dai "cervelloni che non hanno mai fatto un caxxo".......non e' strumento di crescita......sempre miei 2 cents

    .....a proposito.........


    «Non è mica un talent!», sbuffò mesi fa il leader della Uil scuola Pino Turi, contestando la scelta ministeriale di introdurre anche in Italia un premio nazionale per i migliori insegnanti associato al Global Teacher Prize, il cosiddetto «Nobel dei docenti». E spiegò a Tuttoscuola, allargando il discorso a un po’ tutto il sistema: «Va bene premiare il merito, ma troviamo dei criteri in sede contrattuale perché i migliori magari non sono 5 ma l’80% degli insegnanti». Testuale. Ora, nessuno si sognerebbe di sostenere, neppure dentro il sindacato, che possano indistintamente essere «i migliori» l’80% dei calciatori o dei pianisti, dei fabbri o dei pizzaioli. In tutti i campi della vita ci sono i più bravi e i meno bravi. Che devono essere tutelati, si capisce: non a tutti è concesso di diventare Messi o Pollini. L’idea che la scuola faccia eccezione a ogni gerarchia di merito, invece, pare essere saldamente imbullonata. Lo dimostravano Gianna Fregonara e Valentina Santarpia ricordando ieri sul Corriere che «nel Lazio sono stati premiati il 47% dei prof, cioè uno su due», che «una scuola su 5 ha scelto di dividere i fondi in parti uguali» e che a Palermo nella metà delle scuole il premio «è stato assegnato sulla base dell’autocertificazione». Cioè un modulo dove l’insegnante deve barrare una sessantina di quiz tipo dichiarando ad esempio d’avere «spirito d’iniziativa, sviluppo del lavoro e soluzione rapida del problema». Immaginatevi le risposte…

    Che senso hanno numeri così? Forse il presidente della Associazione TreeLLLe Attilio Oliva, che in un articolo sul nostro giornale del giugno scorso sosteneva che il bonus non avrebbe dovuto essere attribuito «a più del 10% dei docenti di ciascun istituto» perché un eccessivo allargamento avrebbe vanificato gli obiettivi, forzava un po’. Dopo decenni di «sei politico» non è facile passare a selezioni meno egualitariste. Di più: è probabile che tutta l’impostazione della Buona Scuola dove parla dei premi destinati «a valorizzare il merito» fosse fatta male. Sono state troppe, infatti, le proteste. Anche da parte di docenti dichiaratamente disposti a lasciarsi giudicare «con criteri giusti». Ma questo è il punto: quali sarebbero questi «criteri giusti» in un Paese dove il Tar annulla un concorso all’Asl di Pavia (vinto da una candidata preparatissima) perché le domande erano «di eccessiva complessità»? Dove ogni tipo di «gerarchizzazione degli insegnanti» viene contestata rissosamente dai tempi della riforma stroncata, giusta o sbagliata che fosse, di Luigi Berlinguer, fatto a pezzi non solo dai sindacati sinistrorsi ma dalla destra finiana e berlusconiana decisa a cavalcare la rivolta? Dove tra i quiz per assumere funzionari dei Beni Culturali si chiedeva tempo fa se i Bronzi di Riace erano «A: In marmo; B: In legno; C: In bronzo»? È vero: i nostri maestri e professori sono pagati poco rispetto non solo ai colleghi del Lussemburgo (79.920 dollari di partenza), della Germania o della Danimarca ma anche rispetto agli spagnoli o ai portoghesi. E dopo anni di blocco è indispensabile, come del resto è stato riconosciuto nell’accordo col governo del 30 novembre, un adeguamento che ripristini un po’ di decoro anche economico per quegli insegnanti, spesso bravissimi, che vedono la loro professione, come rivelò un’indagine tre mesi fa, mortificata e sottovalutata.


    Detto questo resta la domanda: se non andavano bene i criteri di valutazione della Buona Scuola, diamolo pure per scontato, ne esistono altri che concretamente possano essere accettati da chi per mestiere valuta gli altri cioè gli alunni? O siamo ancora fermi al rifiuto di ogni esame, ogni giudizio, ogni selezione? Sono passati tredici anni da quando i sindacati e l’Aran, l’agenzia che rappresenta il governo nei negoziati, si impegnarono a costituire una commissione col ministero dell’Istruzione per definire quali potessero essere quei criteri «giusti« di valutazione. Risultati? Boh… Basti dire che nella «sintesi» (si fa per dire) degli obiettivi su 1994 parole non era mai usata la parola «merito». Mai. E rieccoci qui. A ripartire col solito tormentone. «La valutazione di insegnanti e scuole è un problema di difficile soluzione e sindacalmente esplosivo», scrive nel libro «Status quo» Roberto Perotti, reduce dal deludente sforzo di fare dei tagli a Palazzo Chigi, «Ma pensare di imperniare la scuola sul merito senza un qualche meccanismo di valutazione e di premialità è pura illusione». Negli altri Paesi, dove hanno chiaro che il primo obiettivo non è l’erogazione di cattedre e stipendi ma la preparazione dei cittadini di domani, la fanno sì, la scrematura fra i migliori e i peggiori. Perché da noi, sia pure con tutte le garanzie contro eventuali soprusi, non è possibile? Che senso ha puntare a premi concordati e distribuiti a pioggia?

    Il guaio di fondo è sempre lo stesso: per imporre una svolta su un tema come il merito, essenziale per la ripresa del nostro Paese, occorre esser credibili. Ma quale credibilità hanno i nostri massimi vertici pubblici se da sempre si sono spartiti i premi a pioggia grazie alla «auto-valutazione»? Quale credibilità se ancora oggi, nel 2017, non sappiamo («dati in corso di elaborazione») come sono stati distribuite nel 2015 le prebende «di risultato» ai novantotto dirigenti di prima fascia e ai 203 di seconda fascia di Palazzo Chigi?
    Ultima modifica di flag; 06/01/2017 alle 12:27 Motivo: Unione Post Automatica
    Dennis likes this.
    "Nessuna commiserazione,semplice constatazione che dietro questo pensiero v'è discreta bassezza morale,punto .......ti invito,senza offesa, ad informarti sui libri di scuola" cit. rjng

  6. #35
    TCP Rider Senior L'avatar di Stinit
    Data Registrazione
    16/01/09
    Località
    terra del sole e del mare
    Moto
    feroce...
    Messaggi
    19,006
    Citazione Originariamente Scritto da flag Visualizza Messaggio
    beh, io lo avevo ricavato da qui.....

    poi, si, sei particolarmente malfidato e questo, ancorche' giustificato, se si vuole crescere ed evolvere , e' un limite e non un vantaggio......a mio parere :ovvio che non bisogna cessare di vigilare, ma la critica aprioristica perche non tutto ti e' chiaro.........magari informato da una "parte", che sta nella PA, e che come tutti i lavoratori di qualsiasi settore , ha sempre la sua "cura" che e' semplicissima , meno costosa e migliore di quella proposta dai "cervelloni che non hanno mai fatto un caxxo".......non e' strumento di crescita......sempre miei 2 cents

    .....a proposito.........


    «Non è mica un talent!», sbuffò mesi fa il leader della Uil scuola Pino Turi, contestando la scelta ministeriale di introdurre anche in Italia un premio nazionale per i migliori insegnanti associato al Global Teacher Prize, il cosiddetto «Nobel dei docenti». E spiegò a Tuttoscuola, allargando il discorso a un po’ tutto il sistema: «Va bene premiare il merito, ma troviamo dei criteri in sede contrattuale perché i migliori magari non sono 5 ma l’80% degli insegnanti». Testuale. Ora, nessuno si sognerebbe di sostenere, neppure dentro il sindacato, che possano indistintamente essere «i migliori» l’80% dei calciatori o dei pianisti, dei fabbri o dei pizzaioli. In tutti i campi della vita ci sono i più bravi e i meno bravi. Che devono essere tutelati, si capisce: non a tutti è concesso di diventare Messi o Pollini. L’idea che la scuola faccia eccezione a ogni gerarchia di merito, invece, pare essere saldamente imbullonata. Lo dimostravano Gianna Fregonara e Valentina Santarpia ricordando ieri sul Corriere che «nel Lazio sono stati premiati il 47% dei prof, cioè uno su due», che «una scuola su 5 ha scelto di dividere i fondi in parti uguali» e che a Palermo nella metà delle scuole il premio «è stato assegnato sulla base dell’autocertificazione». Cioè un modulo dove l’insegnante deve barrare una sessantina di quiz tipo dichiarando ad esempio d’avere «spirito d’iniziativa, sviluppo del lavoro e soluzione rapida del problema». Immaginatevi le risposte…

    Che senso hanno numeri così? Forse il presidente della Associazione TreeLLLe Attilio Oliva, che in un articolo sul nostro giornale del giugno scorso sosteneva che il bonus non avrebbe dovuto essere attribuito «a più del 10% dei docenti di ciascun istituto» perché un eccessivo allargamento avrebbe vanificato gli obiettivi, forzava un po’. Dopo decenni di «sei politico» non è facile passare a selezioni meno egualitariste. Di più: è probabile che tutta l’impostazione della Buona Scuola dove parla dei premi destinati «a valorizzare il merito» fosse fatta male. Sono state troppe, infatti, le proteste. Anche da parte di docenti dichiaratamente disposti a lasciarsi giudicare «con criteri giusti». Ma questo è il punto: quali sarebbero questi «criteri giusti» in un Paese dove il Tar annulla un concorso all’Asl di Pavia (vinto da una candidata preparatissima) perché le domande erano «di eccessiva complessità»? Dove ogni tipo di «gerarchizzazione degli insegnanti» viene contestata rissosamente dai tempi della riforma stroncata, giusta o sbagliata che fosse, di Luigi Berlinguer, fatto a pezzi non solo dai sindacati sinistrorsi ma dalla destra finiana e berlusconiana decisa a cavalcare la rivolta? Dove tra i quiz per assumere funzionari dei Beni Culturali si chiedeva tempo fa se i Bronzi di Riace erano «A: In marmo; B: In legno; C: In bronzo»? È vero: i nostri maestri e professori sono pagati poco rispetto non solo ai colleghi del Lussemburgo (79.920 dollari di partenza), della Germania o della Danimarca ma anche rispetto agli spagnoli o ai portoghesi. E dopo anni di blocco è indispensabile, come del resto è stato riconosciuto nell’accordo col governo del 30 novembre, un adeguamento che ripristini un po’ di decoro anche economico per quegli insegnanti, spesso bravissimi, che vedono la loro professione, come rivelò un’indagine tre mesi fa, mortificata e sottovalutata.


    Detto questo resta la domanda: se non andavano bene i criteri di valutazione della Buona Scuola, diamolo pure per scontato, ne esistono altri che concretamente possano essere accettati da chi per mestiere valuta gli altri cioè gli alunni? O siamo ancora fermi al rifiuto di ogni esame, ogni giudizio, ogni selezione? Sono passati tredici anni da quando i sindacati e l’Aran, l’agenzia che rappresenta il governo nei negoziati, si impegnarono a costituire una commissione col ministero dell’Istruzione per definire quali potessero essere quei criteri «giusti« di valutazione. Risultati? Boh… Basti dire che nella «sintesi» (si fa per dire) degli obiettivi su 1994 parole non era mai usata la parola «merito». Mai. E rieccoci qui. A ripartire col solito tormentone. «La valutazione di insegnanti e scuole è un problema di difficile soluzione e sindacalmente esplosivo», scrive nel libro «Status quo» Roberto Perotti, reduce dal deludente sforzo di fare dei tagli a Palazzo Chigi, «Ma pensare di imperniare la scuola sul merito senza un qualche meccanismo di valutazione e di premialità è pura illusione». Negli altri Paesi, dove hanno chiaro che il primo obiettivo non è l’erogazione di cattedre e stipendi ma la preparazione dei cittadini di domani, la fanno sì, la scrematura fra i migliori e i peggiori. Perché da noi, sia pure con tutte le garanzie contro eventuali soprusi, non è possibile? Che senso ha puntare a premi concordati e distribuiti a pioggia?

    Il guaio di fondo è sempre lo stesso: per imporre una svolta su un tema come il merito, essenziale per la ripresa del nostro Paese, occorre esser credibili. Ma quale credibilità hanno i nostri massimi vertici pubblici se da sempre si sono spartiti i premi a pioggia grazie alla «auto-valutazione»? Quale credibilità se ancora oggi, nel 2017, non sappiamo («dati in corso di elaborazione») come sono stati distribuite nel 2015 le prebende «di risultato» ai novantotto dirigenti di prima fascia e ai 203 di seconda fascia di Palazzo Chigi?
    oppure è vero il contrario(chi può dirlo?)...ovvero che aldilà delle parole dell'allora ministro Brunetta chi oggi lavora tutti i giorni dentro alla PA vive una realtà mooolto diversa da quella prospettata dai politicanti...nell'assenza totale di titoloni in prima pagina che durano settimane intere...


    per il resto con me sfondi una porta aperta...io sono per i concorsi...le valutazioni e il merito...ma non come oggi che con la scusa del merito si fanno concorsi tanto per farli e per impiegare gente a fare il "valutatore"

    ...nn come oggi dove con la scusa della formazione chi è in cassaintegrazione viene spedito a fare degli (utili??) corsi dove ti devi presentare obbligatoriamente non nei giorni in cui non lavori (come sarebbe logico) ma nei giorni che fanno comodo a loro che li organizzano (e nel frattempo magari sei anche tornato a lavoro) con orari discutibili tipo 18->21/22 (ti immagini chi ha una famiglia/figlio piccolo??)
    Ultima modifica di Stinit; 07/01/2017 alle 16:27
    ciao...

  7. #36
    TCP Rider Senior L'avatar di rjng
    Data Registrazione
    11/01/10
    Località
    Motta Visconti
    Moto
    track queen,Tbs.
    Messaggi
    7,978
    Poletti ci regala altre perle..tra poco darà mandato ai suoi avvocati di scoprire chi gli ha messo in bocca frasi a sua insuaputa...
    Giovani all'estero, l'informativa di Poletti al Senato: "Erano frasi lontane dal mio pensiero e dalla mia storia" - Il Fatto Quotidiano

    Un vero professionista della politica.
    souldancer and Stinit like this.
    www.bandabonnisti.it

    VENDO GOMME TASSELLATE PER THRUXTON

  8. #37
    TCP Rider Senior L'avatar di Stinit
    Data Registrazione
    16/01/09
    Località
    terra del sole e del mare
    Moto
    feroce...
    Messaggi
    19,006
    Citazione Originariamente Scritto da rjng Visualizza Messaggio
    Poletti ci regala altre perle..tra poco darà mandato ai suoi avvocati di scoprire chi gli ha messo in bocca frasi a sua insuaputa...
    Giovani all'estero, l'informativa di Poletti al Senato: "Erano frasi lontane dal mio pensiero e dalla mia storia" - Il Fatto Quotidiano

    Un vero professionista della politica.
    Cose grosse...
    souldancer likes this.
    ciao...

  9. #38
    TCP Rider Senior
    Data Registrazione
    05/03/12
    Località
    Torino
    Moto
    Bonnie T100, Honda PS125, Ciao, Honda 35 cc. 4T
    Messaggi
    7,236
    In questi giorni mi domando cosa sarebbe successo se avesse fatto un pubblico elogio della povertà e poi fosse partito per Malindi...
    Monacograu likes this.

  10. #39
    TCP Rider Senior L'avatar di Stinit
    Data Registrazione
    16/01/09
    Località
    terra del sole e del mare
    Moto
    feroce...
    Messaggi
    19,006
    Citazione Originariamente Scritto da paper Visualizza Messaggio
    In questi giorni mi domando cosa sarebbe successo se avesse fatto un pubblico elogio della povertà e poi fosse partito per Malindi...
    Ancora...sei proprio martellante
    ciao...

  11. #40
    TCP Rider Senior L'avatar di rjng
    Data Registrazione
    11/01/10
    Località
    Motta Visconti
    Moto
    track queen,Tbs.
    Messaggi
    7,978
    Citazione Originariamente Scritto da paper Visualizza Messaggio
    In questi giorni mi domando cosa sarebbe successo se avesse fatto un pubblico elogio della povertà e poi fosse partito per Malindi...
    Nulla visto che paga con soldi suoi...
    Prova a farti la stessa domanda considerando Gentiloni e Alfano che vanno a Bruxelles utilizzando due aerei di stato diversi...prova a chiederti con che soldi han pagato gli aerei...a no..ma a te non interessa come spendono i soldi delle tue tasse..loro sono professionisti...della spesa!
    Stinit likes this.
    www.bandabonnisti.it

    VENDO GOMME TASSELLATE PER THRUXTON

Pagina 4 di 8 PrimaPrima 12345678 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. GRANDE ! GRANDE ! GRANDE ! FRANCESCO proprietario della conce Triumph Brescia
    Di jb sound nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 76
    Ultimo Messaggio: 14/05/2012, 15:04
  2. Ciao Anto... un abbraccio grande grande, come te
    Di giorgiorox nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 188
    Ultimo Messaggio: 05/05/2011, 20:21
  3. GRAZIE Sir Roger Moore ; GRANDE ATTORE , GRANDE UOMO
    Di EIKONTRIPLE nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 22/12/2010, 12:03
  4. Questa è classe e qualità!! grande vezza....grande motoblog
    Di lucabi nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 19/09/2010, 10:19
  5. Dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna
    Di alessandro2804 nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 97
    Ultimo Messaggio: 11/08/2010, 06:36

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •