Link utili:  TCP: il sito Italiano pi importante dedicato alle motociclette Triumph

Segui TCP su:

Benvenuto su Triumphchepassione, il Forum Triumph pi attivo d' Italia!

Sei nuovo del Forum? LEGGI IL REGOLAMENTO e PRESENTATI in questa sezione. Non sai usare il Forum? Ecco una semplice GUIDA.


Pagina 13 di 15 PrimaPrima ... 39101112131415 UltimaUltima
Risultati da 121 a 130 di 146
Like Tree81Likes

Discussione: Tourist Trophy - Che senso ha?

  1. #121
    TCP Rider Senior L'avatar di Monacograu
    Data Registrazione
    19/06/10
    Localit
    Roma
    Moto
    Eh, la moto...giusto la Vespa mi rimasta...
    Messaggi
    22,186
    Citazione Originariamente Scritto da massi69 Visualizza Messaggio
    ...
    ma chi è che chiede modifiche , più sicurezza , cilindrate piu basse ecc ecc ecc bla bla vla....
    i piloti?
    o sono i soliti gli scassaminchia che nn vedono l ora di introdurre divieti li divieti qui?
    a...
    Ne pieno anche il forum di scassaminchia...oppure sono semplicemente persone che la pensano in modo diverso ...

    Citazione Originariamente Scritto da massimio Visualizza Messaggio
    Gi 3 morti quest'anno al TT....corsa affascinante, non li obbliga nessuno, bla bla bla....ma che senso ha?Le moto sono diventate potentissime, le stradine son rimaste quelle....sono sempre stato un fan dell TT ma a tutto c' un limite. Che ne pensate?
    Citazione Originariamente Scritto da Apox Visualizza Messaggio
    Anche io ieri riflettevo sul fatto di 3 vite perse sul quel circuito e che potrebbe essere un duro colpo per la manifestazione
    Citazione Originariamente Scritto da Alebrasa Visualizza Messaggio
    Lo dico da anni, prima o poi lo chiudono come la gruppo b. Se a ogni corsa c' un morto non pi una corsa, una messa funebre.
    Citazione Originariamente Scritto da fiore955 Visualizza Messaggio
    Vite perse, ora sono 4..


    "Sale il numero delle vittime di questa edizione della famigerata gara di moto che si corre dal 1907. L'ultimo è il francese Cesar Chanal, pilota del sidecar deceduto in seguito al terribile incidente avvenuto in Gara 1 nella giornata di sabato in cui aveva perso la vita anche il suo passeggero Olivier Lavorel"
    Citazione Originariamente Scritto da 1851francesco Visualizza Messaggio
    penso che a tutto ci sia un limite, forse l'hanno raggiunto. Lo dico da appassionato, ma quando arrivi a queste cifre drammatiche vuol dire che il gioco si rotto.

    in ITALIA la prefettura negherebbe subito il permesso di fare di nuovo una gara come questa, li non so come funziona e come facciano, senza la minima protezione!! boh
    dovremmo fare passi in avanti in materia di sicurezza vedi la f1, li sembra che tutto sia concesso o che il tempo si sia fermato
    Citazione Originariamente Scritto da flag Visualizza Messaggio
    credo che sia necessario distinguere fra una sfida personale (alpinismo o immersione) e una competizione ufficiale organizzata in uno scenario oggettivamente rischioso

    nessuno pu impedire a un singolo di affrontare una situazione anche estremamente rischiosa, mentre credo che sia necessario impedire di organizzare competizioni che presentano evidenti rischi per la sicurezza dei partecipanti e magari degli spettatori

    l'esempio fatto da Alebrasa sulle gruppo B , a mio parere, calzante...e la ragione per la quale nel mondiale moto non ci sono pi circuiti cittadini che una volta c'erano, cos come la formula uno non corre pi sul tracciato lungo del nurburg proprio quella

    secondo me gli organizzatori del TT hanno avuto tutto il tempo per "correre ai ripari" e cercare di rallentare (chicanes? limitazione di cilindrata/potenza?) la competizione , ora credo che il tempo sia scaduto

    my 2 cents
    Citazione Originariamente Scritto da Doppiaeffe Visualizza Messaggio
    Quindi lasciare un pugno di pazzi scalmanati correre in mezzo ad un paesino corretto.

    Signori, non confondiamo la libert con il fare i porci comodi. Con i morti non ci si scherza.



    Inviato dal mio M2006C3MNG utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Monacograu Visualizza Messaggio
    Io la trovo una cosa senza senso, non rischierei mai la vita in quello modo per la botta di adrenalinama questo il mio modo di pensare (lo stesso che mi ha portato ad abbandonare, non a cuor leggero, la moto dopo un brutto incidente proprio per non lasciare orfano mio figlio), sicuramente non dei piloti del TT. La loro mente, evidentemente, ragiona in modo completamente diverso.
    Detto ci, immagino che la botta di adrenalina la possano avere anche girando in maggiore sicurezza, facendo evolvere regolamenti e dispositivi di sicurezza come stato fatto in tante altre competizioni.
    Il sorpasso di Rossi a Stoner Laguna Seca non credo fosse avaro di spettacolo o di adrenalina.
    Sia il pubblico che il pilota cercano emozione: si tratta, forse, di trovare quel giusto equilibrio tra lemozione e la sicurezza. E, da quello che so, lattuale TT (cos come altre competizioni, ma questo non aggiunge nulla, imho) questo equilibrio non lha trovato.

    Parole in libert
    Citazione Originariamente Scritto da 1851francesco Visualizza Messaggio
    il senso che se fossi un organizzatore mi sentirei in parte responsabile di aver generato un evento dove ogni anno qualcuno ci lascer le penne.
    Questo soggettivo, magari a qualcuno non importerebbe pi di tanto basta mandare avanti la tradizione, in nome della passione di correre in moto
    e poi si assolvono le coscienze con delle liberatorie.
    il dubbio non ti viene?
    Io sono responsabile di quello che dico. Non di quello che capisci tu. [cit]
    Questa una mela...

    IMHOSTICA

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Localit
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #122
    TCP Rider L'avatar di massi69
    Data Registrazione
    01/05/16
    Localit
    torino
    Messaggi
    4,956
    Citazione Originariamente Scritto da Monacograu Visualizza Messaggio
    Ne pieno anche il forum di scassaminchia...oppure sono semplicemente persone che la pensano in modo diverso ...



    il dubbio non ti viene?

    no il dubbio nn mi viene..
    a parte che personalmente, nn andrei mai a correre una gara cm quella...
    e il mio modo di intendere la moto lontano anni luce dalla competizione sportiva....
    se devo misurarmi, lo faccio cn me stesso .... e cerco di migliorare gli aspetti che pi ritengo lacunosi in ci che mi consentirebbero di vivere ancora meglio la mia condizione in pi contesti....
    nn sn un maniaco dell adrenalina....sai a 53 anni, si cercano altre cose...
    nn me ne fotte un cz ne della moto gp , ne della f1...
    il tt lo apprezzo un po di pi perch il fattore pilota pi diretto nel conseguimento del risultato....
    fino a un po di amni fa sarei potuto anche andare a vederlo...ho un amico che organizzava viaggi in moto.. acquistava in anticipo lotti di biglietti, visto che un nr chiuso....ma nn amo le folle, nn amo gli assembramenti ecc ecc....
    tt questo per dire che del tt nn che me ne fotta pi di tanto...
    ma per me, uno, nei limiti del nn creare danni al prossimo....pu fare che cz gli pare...
    per me nn si dovrebbe vietare nn
    ognuno deve essere libero di poter pensare, valutare e fare....poi cazzi suoi ci che succede e le conseguenze a cui va incontro ....
    e gi solo il fatto che qualcuno possa dire questo lo si pu fare e questo no, e ripeto, nei limiti delle libert e del rispetto, mi sta profondamente sul cazzo....
    e per cm sn fatto...
    anche se mai lo farei, mi farei venir la voglia appositamente per contestare ul fatto che una persona possa dire a un altra di nn fare....

    Citazione Originariamente Scritto da flag Visualizza Messaggio
    ne abbiamo parlato a dawos...solo per rompervi i coglioni

    perch ci siamo rotti le palle di vedervi schiantare felici e contenti sugli alberi, facendo un'arrampicata, scendendo a 100 all'ora in bici dallo stelvio...e preferiamo vedervi morire lentamente per causa di effetti avversi da sieri sperimentali o, meglio ancora, impazziti per l'avvento della nazisanitariocultura , illudendovi di far qualcosa rispondendo a inutili chat o forum o cercando fra di voi qualche inutile metodo di reazione contro gli ineluttabili, mio caro, ineluttabili poteri forti, che anche nello sport vogliono imporre la visione della supercazzola dell'immortalit, che ci piacciono i divieti, ma non quelli di vestirci arcobalenicamente e danzare nelle vie delle citt, nelle pause, naturalmente, fra una sessione e l'altra di terrore per i bambini...ah, l'adenocromo
    uanna' ....la cap nan t accmpagn chiu🤣
    Ultima modifica di massi69; 16/06/2022 alle 19:11 Motivo: Unione Post Automatica

  4. #123
    TCP Rider Senior L'avatar di Monacograu
    Data Registrazione
    19/06/10
    Localit
    Roma
    Moto
    Eh, la moto...giusto la Vespa mi rimasta...
    Messaggi
    22,186
    Citazione Originariamente Scritto da Monacograu Visualizza Messaggio
    Ne pieno anche il forum di scassaminchia...oppure sono semplicemente persone che la pensano in modo diverso ...
    il dubbio non ti viene?

    Citazione Originariamente Scritto da massi69 Visualizza Messaggio
    no il dubbio nn mi viene..
    Bene
    Io sono responsabile di quello che dico. Non di quello che capisci tu. [cit]
    Questa una mela...

    IMHOSTICA

  5. #124
    TCP Rider Senior L'avatar di ABCDEF
    Data Registrazione
    05/07/09
    Messaggi
    39,120
    Citazione Originariamente Scritto da massi69 Visualizza Messaggio
    no il dubbio nn mi viene..
    a parte che personalmente, nn andrei mai a correre una gara cm quella...
    e il mio modo di intendere la moto lontano anni luce dalla competizione sportiva....
    se devo misurarmi, lo faccio cn me stesso .... e cerco di migliorare gli aspetti che pi ritengo lacunosi in ci che mi consentirebbero di vivere ancora meglio la mia condizione in pi contesti....


    Citazione Originariamente Scritto da massi69 Visualizza Messaggio

    ma per me, uno, nei limiti del nn creare danni al prossimo....pu fare che cz gli pare...
    per me nn si dovrebbe vietare nn
    ognuno deve essere libero di poter pensare, valutare e fare....poi cazzi suoi ci che succede e le conseguenze a cui va incontro ....
    e gi solo il fatto che qualcuno possa dire questo lo si pu fare e questo no, e ripeto, nei limiti delle libert e del rispetto, mi sta profondamente sul cazzo....
    e per cm sn fatto...
    anche se mai lo farei, mi farei venir la voglia appositamente per contestare ul fatto che una persona possa dire a un altra di nn fare....


    eh, lo sappiamo

    Citazione Originariamente Scritto da massi69 Visualizza Messaggio


    uanna' ....la cap nan t accmpagn chiu��
    no, sto cercando di esprimermi con concetti intelleggibili dalla controparte
    Ultima modifica di ABCDEF; 17/06/2022 alle 08:52 Motivo: Unione Post Automatica

  6. #125
    TCP Rider L'avatar di massi69
    Data Registrazione
    01/05/16
    Localit
    torino
    Messaggi
    4,956
    Citazione Originariamente Scritto da flag Visualizza Messaggio

    no, sto cercando di esprimermi con concetti intelleggibili dalla controparte
    non ho capito 🤣🍌

  7. #126
    TCP Rider Senior L'avatar di ABCDEF
    Data Registrazione
    05/07/09
    Messaggi
    39,120
    una organizzazione di esseri viventi si basa su regole condivise
    le regole discendono dalla cultura di quella societ e da quello che potremmo definire "comune sentire"
    il comune sentire influenzato grandemente dalla storia, dalla religione e dal grado di benessere socio-economico di quella societ
    infatti: non tutte le societ (che qualcuno grossolanamente potrebbe definire popoli) condividono le stesse sensibilit, e, di conseguenza, le stesse regole

    ora: chi chieda basi scientifiche, prove, numeri, o opponga concetti assoluti provenienti dal campo filosofico-politico per giustificare quelle regole, chiede qualcosa che non c'entra nulla

    per la religione cattolica, per fare un esempio, la vita sacra e va tutelata perch non ti appartiene
    per altre religioni, come le vogliamo definire, pi fataliste, inutile sbattersi tanto, perch poi alla fine si arriva doive si deve arrivare (e probabilmente le possibilit di morire nella "vita di tutti i giorni" sono molto pi elevate che da noi
    per altre ancora pi "economicistiche" (protestanti, anglicani) l'impatto delle scelte sulla societ, va considerato in maniera ancora diversa

    se poi vogliamo parlare del valore di una vita, si apre un mondo di valutazioni diverse a seconda, appunto, della societ
    e cos succede anche per il "valore sociale" di una vita (un individuo non solo in quanto individuo, ma anche in quanto partecipante a una struttura sociale, almeno fra gli esseri umani...ma se si guarda bene anche fra gli animali)

    mi pare quindi ovvio che stiamo facendo questa discussione basandoci sui valori della nostra societ (quella occidentale-cattolica), che potrebbero perfettamente non essere completamente condivisi (e infatti non lo sono) da culture anche solo lievemente diverse dalla nostra, figuriamoci se stessimo discutendo dello stesso argomento in Gabon o in Burkina Faso...

    se prescindiamo da questo presupposto, stiamo discutendo del nulla, paragonando automobili a gelati o grattacieli

    poi una critica filosofica a quelli che sono i valori della nostra societ sempre possibile, figuriamoci, ma va fatta considerando tutti i casi, e non scegliendo le ciliegie che ci piacciono di pi, e considerando anche che nella nostra societ, e comprendo che a qualcuno possa dispiacere, quello che "vince" il sentire della maggioranza...e da questo discendono regole e opinioni

    tagliare le mani a un ladro una regola perfettamente condivisa in alcune societ, non lo nella nostra, anche se non escludo ci siano persone che anche qui la riterrebbero una pratica auspicabile

    oppure pu essere accettabile, e lo era anche qui, fino a non molto tempo fa, che un marito cornuto fosse praticamente "obbligato" a far fuori la moglie, tanto vero che per il delitto "d'onore" (sic) erano previste attenuanti dal nostro codice di procedura civile

    giusto per fare un esempio e per indicare che, nel corso del tempo, anche il comune sentire pu cambiare

    nella nostra societ condiviso che, dove possibile, anche nelle manifestazioni sportive che presentano per loro caratteristica, una elevata dose di rischio, sia etico fare tutto il possibile per ridurlo, e, laddove impossibile, si possa arrivare anche a decidere di sospendere quella singola attivit, attraverso il lavoro delle federazioni, della politica eccetera.

    ho stato spiegato aanche per l'ommo della strada ? magari anche senza banane, pappagalli o risatine sciocche?
    Ultima modifica di ABCDEF; 17/06/2022 alle 10:02
    Marce63, mic56 and Padella like this.

  8. #127
    TCP Rider
    Data Registrazione
    18/10/16
    Localit
    Pavia
    Moto
    Vecchia tuono sbronzinata nemmeno pi rivendibile
    Messaggi
    1,125
    Hai spiegato perfettamente.
    A maggior ragione quindi...femose i gazxi nostri.

  9. #128
    TCP Rider L'avatar di massi69
    Data Registrazione
    01/05/16
    Localit
    torino
    Messaggi
    4,956
    Citazione Originariamente Scritto da flag Visualizza Messaggio

    ho stato spiegato aanche per l'ommo della strada ? magari anche senza banane, pappagalli o risatine sciocche?
    guarda che ti pago per scrivere questo, che condivido
    e non per scimmiottare gli sprofondi intellettivi, a cui nn sei avvezzo e per cui improvvisi😍😘

  10. #129
    TCP Rider Senior L'avatar di navigator
    Data Registrazione
    25/05/08
    Localit
    Quartu S.Elena (CA)
    Moto
    tiger 1050 '08, P200E '82
    Messaggi
    6,954
    https://www.estetica-mente.com/opini...trosenso/6090/


    “Al Tourist Trophy se cadi, muori. Eppure il suo fascino irresistibile.” Credo che questa frase di Giacomo Agostini, che al TT ci ha corso e ci ha vinto (e lo ha profondamente osteggiato), sia la pi lucida definizione di questa gara, cos lontana dalle competizioni motociclistiche attuali, eppure cos simile, per significato, a quella cosa che il TT sembra avere in odio pi di tutto: la vita.
    Una semplice pacca sulla spalla. Questo il segnale dell’inizio, il momento in cui il pilota molla la frizione e parte per il suo personale toboga sullo Snaefell Mountain Course, 60,7 km di lunghezza da ripetersi pi volte a seconda della categoria: oltre 200 curve che si dipanano tra le strade dell’isola di Man, sfiorando muretti, pali della luce, case e strapiombi in un costante “paso doble” con quella che, nella migliore delle ipotesi in caso di errore, potrebbe essere la fine di tutto. Questo il Tourist Trophy, una gara su strada nata nel 1907 e che da allora ha affascinato e fatto discutere generazioni di appassionati. Si presa centinaia di vite (tra piloti, pubblico e marshal) e nonostante ci sopravvive, incurante delle critiche, fiera del suo anacronismo e della sua dura onest. Perch il TT sa di non essere un “controsenso” (e per certi versi neanche una semplice gara di moto) ma semplicemente l’espressione pi razionale della follia. O, se volete, l’espressione pi folle di una cosa che consideriamo normale, come lo scorrere naturale della vita.



    Non facile raccogliere i pensieri se sei fresco di ritorno da quell’isola e, per la prima volta, hai potuto toccare con mano quello che questa gara rappresenta. Uno sguardo dal vivo, ripulito dalle critiche di chi lo osteggia e dall’immagine leggendaria che ce ne danno i DVD. Il Tourist Trophy, infatti, non lo conosci solo attraverso i salti meravigliosi di Mc Guinness al Ballaugh Bridge o ammirando le staccate di Bruce Anstey alla curva del Creg-Ny-Baa, e non puoi soprattutto pensare di conoscerlo leggendo gli articoli feroci che esplodono come supernove di inchiostro e carta ogni qualvolta un pilota ci lascia le penne. No. Il senso del TT lo puoi percepire solo nella maniera pi assurda possibile (almeno su quelle strade), ossia camminando a piedi per il tracciato, toccando le protezioni disseminate lungo le curve, saggiando col piede i cordoli bianchi e neri (smussati ma pur sempre di pietra dura), osservando la tenera inutilit dei materassi messi dagli abitanti dell’isola e che avvolgono i pali della luce a bordo strada (a 200 km/h il palo della luce lo puoi ricoprire anche di marshmallow, ma non cambia l’esito dell’impatto). Chi corre il TT, infatti, vince anche se non arriva primo, vince anche se non arriva, in realt. Il solo motivo di essere l e giocarsi tutto per qualcosa di intangibile come la passione, gi una vittoria. Non ci sono milioni di euro in ballo, non c’ il sogno di una vita agiata alla fine del Gran Premio. Chi corre qui, se vince, si porta a casa la coppa con l’effigie del Mercurio Alato, se perde, invece, coltiver la speranza di poter correre ancora il prossimo anno. Tutti per, vinti e vincitori, ottengono qualcosa di molto pi importante, ossia l’amore della gente, l’affetto incondizionato di chi sta guardando un eroe.


    Ora, quello che c’ scritto qui sopra ha preso forma nel volo Isola di Man–Birmingham, prima tappa di un odisseico viaggio verso casa dopo 4 giorni passati sull’isola, ovviamente per lavoro. Arai, il marchio di caschi pi famoso al mondo, ha invitato la testata per cui collaboro a provare il loro casco top di gamma sulle strade dell’isola, qualche giorno prima l’inizio del TT. Confesso che quando mi hanno proposto la trasferta, la felicit di poter finalmente visitare un luogo leggendario, si mischiata inevitabilmente alla paura di solcare quelle strade, cos diverse da qualsiasi altra che conosco. A spaventarmi, pi di tutto, era il tanto abusato concetto di “limite”. Guido Meda, ormai da anni, ci urla nelle orecchie che il limite per i piloti un concetto fluttuante, che il limite va superato, che con lui si danza e, spesso, il campione proprio quello che sa spingersi oltre le proprie possibilit. Beh, se ci vero in circuito, qui sullo Snaefell Mountain Course, il limite tutto tranne una linea da cavalcare. Qui, questo termine trova il suo senso etimologico pi vero: il “limite” sull’Isola un limite. Oltre a esso non c’ la via di fuga, o una scivolata, o un un dritto sulla ghiaia. Il limite un muro (un muro vero!) che non puoi oltrepassare. Ed questo, nella sua crudelt, a rendere il TT qualcosa di immensamente affascinante. Per riuscire a essere veloci tra quelle curve, infatti, non bisogna sapere quando “darci del gas”, necessario sapere quando bisogna “toglierlo”. Sembra folle, l’ennesimo controsenso, ma a pensarci bene non lo . Lucida follia, un continuo gioco a levare, indispensabile per provare a toccare quel limite. Una partita coerente, senza inganni, come appunto dovrebbe essere la vita.


    – Prima di darci la possibilit di testare il casco sul Mountain, l’organizzazione Arai ha pensato potesse essere interessante fare una visita alla Joey Dunlop Foundation, una grossa casa perfettamente attrezzata per ospitare tra gli altri, piloti che hanno subito traumi gravi durante la gara. Costata oltre un milione di sterline, la fondazione viene sovvenzionata attraverso donazioni e ovviamente l’affitto delle stanze. C’ tutto, letti comandabili elettricamente, rampe d’accesso, bagni studiati per essere utilizzati in perfetta autonomia e poi il piatto forte: una terrazza che si affaccia sulla curva a destra che porta al Braddan Bridge, dove i piloti arrivano dopo essersi sparati la discesona di Bray Hill. Giusto per ricordarci sempre quale il limite.


    – La parte del Mountain, la pi bella di tutto il tracciato, durante il periodo di gara diventa una sorta di pista aperta anche ai comuni mortali. In pratica, solo in quel punto, viene tolto il doppio senso di circolazione e vengono eliminati i limiti di velocit. Ennesimo controsenso? Forse. A levarmi ogni dubbio stato l’incontro che ho fatto appena partito per il mio giro sul Mountain: dopo aver percorso i primi metri, infatti, appostato all’uscita di una curva c’era un poliziotto che appena mi ha visto mi ha salutato e mi ha urlato “Goooo!”


    – Girovagando per il paddock, si incontrano le umanit pi disparate. La cosa pi bella per sono le famiglie: madri, padri e figli stipati in una tenda a lavorare sul loro mezzo, banchi di lavoro improvvisati, una piastra elettrica sempre accesa e l’immancabile compilation di birrette vicino. Stupenda, tra tutte, l’immagine di una signora attempata che, incurante di essere vestita di tutto punto, con la capillera in piega e tanto oro addosso, affondava le mani nel motore del sidecar del marito, anche lei alla ricerca di quel CV in pi che pu fare la differenza.

    – Nelle corse su strada e al TT in particolare, il binomio moto-pilota ancora tanto sbilanciato verso il secondo. Il coraggio e il manico del pilota sono pi determinanti di un’elettronica bene a punto, perch qui, oltre alla velocit, entrano in ballo numerosi fattori, alcuni di essi imponderabili. Per tenere fede a questa regola, i piloti del TT hanno recentemente sottoscritto una petizione per abolire una norma introdotta qualche anno fa e che vuole, per aumentare la sicurezza, che le gare vengano interrotte in caso di pioggia. Loro spiegano: se corsa deve essere, che corsa sia, in qualsiasi condizione. Controsenso anche questo?
    mic56 and PowerRoss like this.

  11. #130
    TCP Rider L'avatar di PowerRoss
    Data Registrazione
    06/04/11
    Localit
    Terraferma Veneziana!
    Moto
    Speed 2005 kittata dal Tomassini!
    Messaggi
    2,738
    Citazione Originariamente Scritto da navigator Visualizza Messaggio
    https://www.estetica-mente.com/opini...trosenso/6090/


    “Al Tourist Trophy se cadi, muori. Eppure il suo fascino irresistibile.” Credo che questa frase di Giacomo Agostini, che al TT ci ha corso e ci ha vinto (e lo ha profondamente osteggiato), sia la pi lucida definizione di questa gara, cos lontana dalle competizioni motociclistiche attuali, eppure cos simile, per significato, a quella cosa che il TT sembra avere in odio pi di tutto: la vita.
    Una semplice pacca sulla spalla. Questo il segnale dell’inizio, il momento in cui il pilota molla la frizione e parte per il suo personale toboga sullo Snaefell Mountain Course, 60,7 km di lunghezza da ripetersi pi volte a seconda della categoria: oltre 200 curve che si dipanano tra le strade dell’isola di Man, sfiorando muretti, pali della luce, case e strapiombi in un costante “paso doble” con quella che, nella migliore delle ipotesi in caso di errore, potrebbe essere la fine di tutto. Questo il Tourist Trophy, una gara su strada nata nel 1907 e che da allora ha affascinato e fatto discutere generazioni di appassionati. Si presa centinaia di vite (tra piloti, pubblico e marshal) e nonostante ci sopravvive, incurante delle critiche, fiera del suo anacronismo e della sua dura onest. Perch il TT sa di non essere un “controsenso” (e per certi versi neanche una semplice gara di moto) ma semplicemente l’espressione pi razionale della follia. O, se volete, l’espressione pi folle di una cosa che consideriamo normale, come lo scorrere naturale della vita.



    Non facile raccogliere i pensieri se sei fresco di ritorno da quell’isola e, per la prima volta, hai potuto toccare con mano quello che questa gara rappresenta. Uno sguardo dal vivo, ripulito dalle critiche di chi lo osteggia e dall’immagine leggendaria che ce ne danno i DVD. Il Tourist Trophy, infatti, non lo conosci solo attraverso i salti meravigliosi di Mc Guinness al Ballaugh Bridge o ammirando le staccate di Bruce Anstey alla curva del Creg-Ny-Baa, e non puoi soprattutto pensare di conoscerlo leggendo gli articoli feroci che esplodono come supernove di inchiostro e carta ogni qualvolta un pilota ci lascia le penne. No. Il senso del TT lo puoi percepire solo nella maniera pi assurda possibile (almeno su quelle strade), ossia camminando a piedi per il tracciato, toccando le protezioni disseminate lungo le curve, saggiando col piede i cordoli bianchi e neri (smussati ma pur sempre di pietra dura), osservando la tenera inutilit dei materassi messi dagli abitanti dell’isola e che avvolgono i pali della luce a bordo strada (a 200 km/h il palo della luce lo puoi ricoprire anche di marshmallow, ma non cambia l’esito dell’impatto). Chi corre il TT, infatti, vince anche se non arriva primo, vince anche se non arriva, in realt. Il solo motivo di essere l e giocarsi tutto per qualcosa di intangibile come la passione, gi una vittoria. Non ci sono milioni di euro in ballo, non c’ il sogno di una vita agiata alla fine del Gran Premio. Chi corre qui, se vince, si porta a casa la coppa con l’effigie del Mercurio Alato, se perde, invece, coltiver la speranza di poter correre ancora il prossimo anno. Tutti per, vinti e vincitori, ottengono qualcosa di molto pi importante, ossia l’amore della gente, l’affetto incondizionato di chi sta guardando un eroe.


    Ora, quello che c’ scritto qui sopra ha preso forma nel volo Isola di Man–Birmingham, prima tappa di un odisseico viaggio verso casa dopo 4 giorni passati sull’isola, ovviamente per lavoro. Arai, il marchio di caschi pi famoso al mondo, ha invitato la testata per cui collaboro a provare il loro casco top di gamma sulle strade dell’isola, qualche giorno prima l’inizio del TT. Confesso che quando mi hanno proposto la trasferta, la felicit di poter finalmente visitare un luogo leggendario, si mischiata inevitabilmente alla paura di solcare quelle strade, cos diverse da qualsiasi altra che conosco. A spaventarmi, pi di tutto, era il tanto abusato concetto di “limite”. Guido Meda, ormai da anni, ci urla nelle orecchie che il limite per i piloti un concetto fluttuante, che il limite va superato, che con lui si danza e, spesso, il campione proprio quello che sa spingersi oltre le proprie possibilit. Beh, se ci vero in circuito, qui sullo Snaefell Mountain Course, il limite tutto tranne una linea da cavalcare. Qui, questo termine trova il suo senso etimologico pi vero: il “limite” sull’Isola un limite. Oltre a esso non c’ la via di fuga, o una scivolata, o un un dritto sulla ghiaia. Il limite un muro (un muro vero!) che non puoi oltrepassare. Ed questo, nella sua crudelt, a rendere il TT qualcosa di immensamente affascinante. Per riuscire a essere veloci tra quelle curve, infatti, non bisogna sapere quando “darci del gas”, necessario sapere quando bisogna “toglierlo”. Sembra folle, l’ennesimo controsenso, ma a pensarci bene non lo . Lucida follia, un continuo gioco a levare, indispensabile per provare a toccare quel limite. Una partita coerente, senza inganni, come appunto dovrebbe essere la vita.


    – Prima di darci la possibilit di testare il casco sul Mountain, l’organizzazione Arai ha pensato potesse essere interessante fare una visita alla Joey Dunlop Foundation, una grossa casa perfettamente attrezzata per ospitare tra gli altri, piloti che hanno subito traumi gravi durante la gara. Costata oltre un milione di sterline, la fondazione viene sovvenzionata attraverso donazioni e ovviamente l’affitto delle stanze. C’ tutto, letti comandabili elettricamente, rampe d’accesso, bagni studiati per essere utilizzati in perfetta autonomia e poi il piatto forte: una terrazza che si affaccia sulla curva a destra che porta al Braddan Bridge, dove i piloti arrivano dopo essersi sparati la discesona di Bray Hill. Giusto per ricordarci sempre quale il limite.


    – La parte del Mountain, la pi bella di tutto il tracciato, durante il periodo di gara diventa una sorta di pista aperta anche ai comuni mortali. In pratica, solo in quel punto, viene tolto il doppio senso di circolazione e vengono eliminati i limiti di velocit. Ennesimo controsenso? Forse. A levarmi ogni dubbio stato l’incontro che ho fatto appena partito per il mio giro sul Mountain: dopo aver percorso i primi metri, infatti, appostato all’uscita di una curva c’era un poliziotto che appena mi ha visto mi ha salutato e mi ha urlato “Goooo!”


    – Girovagando per il paddock, si incontrano le umanit pi disparate. La cosa pi bella per sono le famiglie: madri, padri e figli stipati in una tenda a lavorare sul loro mezzo, banchi di lavoro improvvisati, una piastra elettrica sempre accesa e l’immancabile compilation di birrette vicino. Stupenda, tra tutte, l’immagine di una signora attempata che, incurante di essere vestita di tutto punto, con la capillera in piega e tanto oro addosso, affondava le mani nel motore del sidecar del marito, anche lei alla ricerca di quel CV in pi che pu fare la differenza.

    – Nelle corse su strada e al TT in particolare, il binomio moto-pilota ancora tanto sbilanciato verso il secondo. Il coraggio e il manico del pilota sono pi determinanti di un’elettronica bene a punto, perch qui, oltre alla velocit, entrano in ballo numerosi fattori, alcuni di essi imponderabili. Per tenere fede a questa regola, i piloti del TT hanno recentemente sottoscritto una petizione per abolire una norma introdotta qualche anno fa e che vuole, per aumentare la sicurezza, che le gare vengano interrotte in caso di pioggia. Loro spiegano: se corsa deve essere, che corsa sia, in qualsiasi condizione. Controsenso anche questo?
    Fatta quell'esperienza nel 2011, in sella alla mia Shiver con cui sono arrivato a Man direttamente da Venezia.

    Che dire.. Non sempre aperta, anche perch molte volte segnalata nebbia sullo Sneafell.
    Quindi ti metti comodo a guardare i tabelloni luminosi sparsi in qui e l che danno informazioni apsettando di veder comparire "Mountain Course OPEN".

    Allora ti precipiti fuori Ramsey insieme a una moltitudine di altri bikers, da soli o in coppia, con un sidecar del '46 o con l'ultima R1 dove inizia il tratto "montano" del Course, precisamente all'Hairpin dove una coppia di solerti poliziotti del luogo regola l'accesso, scaglionando le "partenze", urlando "Go" e "Come in man!", battendoti anche il 5 o chiedendo a qualcuno informazioni sulla propria moto.

    Per inciso, sono gli stessi poliziotti che, quando il Mountain non aperto, si piazzano con il velox e ti aprono le natiche se oltrepassi i limiti (e per la cronaca non puoi permetterti di non pagare la multa, pena il divieto di imbarco sul traghetto di ritorno).

    Dall'Hairpin si parte un po' timorosi, con decine di moto che ti sorpassano o da sorpassare, cominci a spingere, ti sembra di volare, ma a mente lucida capisci poi che non stavi andando pi forte di quando sei sulle tue strade a casa.
    Il tracciato si snoda, tra curve che dimentichi in fretta perch poi la tua mente deve gestire lo spettacolo del tratto dello Sneafell, lass in cima, e non ti accorgi nemmeno che sei passato accanto alla statua di Dunlop, chettifrega, stai correndo sul Mountain, perdio, tra altri fratelli e sorelle, in una bolgia di piccola anarchia, in cui il pericolo l'ultimissimo dei tuoi pensieri.

    Curve, curve, pascoli, tutto si snoda veloce finch non arrivi al discesone della curva di Creeg Ny Baa, dove il tratto libero finisce, e tu rallenti al moto mentre il cuore aumentai battiti e l'adrenalina spinge ancora nelle vene e il casco non riesce pi a tenere dentro il sorriso ebete e soddisfatto di chi ha appena assaggiato un pezzo di leggenda delle corse.

    Dopo tutto questo meglio fermarsi al pub e ordinare l'immancabile pinta di scura, far scendere l'adrenalina e godersi le chiacchere di altri che sono appena scesi dallo Sneafell, perch fuori da questa oasi di follia le regole e i limiti si rispettano (e li fanno rispettare).

    Il TT Isle of Man anche questo...

Discussioni Simili

  1. Tourist trophy
    Di pinodino nel forum Eventi Nazionali e Internazionali
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17/02/2011, 13:29
  2. Tourist Trophy
    Di Roby77Day nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 13/02/2009, 11:00
  3. Tourist Trophy
    Di Nitro...chris72 nel forum Eventi Nazionali e Internazionali
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 02/04/2007, 08:56
  4. Tourist Trophy PS2
    Di iaman nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 16/08/2006, 15:00
  5. Tourist trophy PS2
    Di Rickystyle nel forum Il Bar di Triumphchepassione
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12/07/2006, 08:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •